Home | Chi siamo | Le province | Unioni regionali | Upi editoria | rss RSS 

UPI Live

Gallerie

Video
LE PROVINCE
cartina d'italia
Ambiente e Territorio

#frane #viabilità entro giovedì la Provincia di Reggio Emilia riaprirà accesso pedonale a Miscoso

foto Il lavori di ripristino procedono speditamente

Procede speditamente - grazie alle condizioni meteo favorevoli e all’impegno delle imprese, che hanno lavorato anche sabato e domenica – l’intervento di ripristino disposto dalla Provincia di Reggio Emilia a Miscoso di Ramiseto, frazione di Ventasso che da circa un mese deve sopportare i disagi dovuti alla chiusura della Sp 15 a causa di una serie di movimenti franosi. “Entro giovedì, rispettando gli impegni presi con abitanti e Comune, contiamo di aprire l’accesso pedonale che permetterà di ripristinare un collegamento diretto verso valle, oggi possibile solo risalendo verso il passo del Lagastrello e il Parmense con inevitabile allungamento dei tempi di percorrenza -  conferma il presidente della Provinicia di Reggio Emilia, Giammaria Manghi – Per la fine di gennaio, sempre compatibilmente con le condizioni atmosferiche, contiamo invece di riaprire il transito a senso unico alternato ai veicoli fino a 35 quintali”.
Quella di Miscoso è la situazione più delicata della serie di frane e smottamenti provocata dall’ondata di maltempo che si è abbattuta sulla nostra provincia il 9 e il 13 dicembre scorsi, quando a precipitazioni già abbandonanti si è sovrapposto un fenomeno di inversione termica (temperature sopra lo zero sul crinale e sotto lo zero nella fascia da Castelnovo Monti a Villa Minozzo), con problematiche di gelicidio nella fascia di media montagna e incremento degli apporti idraulici verso valle dovuti al repentino scioglimento della neve.
“A seguito delle attività di monitoraggio e verifica che abbiamo immediatamente effettuato, abbiamo già rendicontato all’Agenzia regionale di Protezione civile danni alla viabilità per 6 milioni e 370.000 euro, 5 dei quali relativi  alle strade provinciali e i rimanenti a quelle comunali – continua il presidente Manghi - Per quanto riguarda la viabilità provinciale l’area del crinale più colpita è il Ramisetano, nel comune di Ventasso, dove lungo la Sp 15, nel tratto tra il centro abitato di Ramiseto e Miscoso, sono stati registrati ad oggi 15 movimenti franosi, a cui si aggiungono due smottamenti sulla Sp 91 a Vaglie di Ligonchio e altri due sulla Sp 57 a Vetto”. Sulle le strade comunali sono stati invece registrati 30 dissesti (9 nell’area di Ramiseto, 10 nella zona di Busana, 9 nell’area di Collagna e 1 a Ligonchio) che hanno comportato la chiusura della strada comunale per Ca Manari sotto Busana e di quella per Camporella a Ramiseto, mentre rimane molto precaria l’apertura della strada per Cecciola.
 
La situazione più complessa è la frana che inibisce l’accesso verso valle della frazione di Miscoso, a circa mille metri di altitudine, in quanto la chiusura della Sp 15 comporta una ventina  minuti aggiuntivi rispetto al percorso più breve. “Per questo abbiamo attivato da subito sopralluoghi, indagini geologiche e progettazione delle opere di messa in sicurezza, per arrivare al ripristino della viabilità nei tempi più rapidi possibili, anticipando già a dicembre il finanziamento di lavori urgenti per 507.000 euro  che in settimana dovrebbe appunto portare all’apertura di un accesso pedonale – sottolinea il presidente della Provincia - Per la sistemazione definitiva del dissesto, che riguarda un fronte franoso piuttosto ampio, si dovranno attendere i finanziamenti regionali o statali, in ogni caso stiamo già predisponendo il progetto in modo da agire tempestivamente non appena saranno stanziati i fondi necessari”.
Rimane invece chiusa, a causa dell’estensione e della complessità del movimento franoso, la Sp 91 a Vaglie a Ligonchio, dove esiste un’alternativa costituita dalla strada comunale per Cinquecerri. “Per il ripristino del transito abbiamo  quantificato un importo dei lavori di circa 700.000 euro, già rendicontato alla Protezione civile regionale – spiega il presidente Manghi - Attualmente stiamo predisponendo il bando per assegnare la progettazione, che necessariamente dovrà comportare una fase propedeutica di studio del movimento franoso per poter individuare la migliore soluzione di ripristino, anticipando i 40.000 euro necessari, in attesa di ottenere il finanziamento dell’opera”.
Una ulteriore criticità è infine costituita dalla chiusura della pista Gatta-Pianello, nel territorio del comune di Villa Minozzo ed interrotta in tre punti a seguito della piena del Secchia. Dopo il sopralluogo congiunto effettuato venerdì dal dirigente del Servizio Infrastrutture della Provincia, Valerio Bussei, con i sindaci Luigi Fiocchi ed Enrico Bini e con il responsabile del Servizio Area Affluenti Po dell’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile Francesco Capuano, si sta prefigurando la realizzazione di un intervento di somma urgenza, a carico della Regione,  finalizzato alla risagomatura dell’alveo del Secchia da effettuare attraverso la movimentazione di materiale ghiaioso, in modo da ricondurre il deflusso dell’acqua nell’ambito dell’alveo di morbida.
“Tale intervento, a seguito delle verifiche che l’Agenzia regionale si è impegnata a effettuare, dovrebbe iniziare nelle prossime settimane partendo da sud, in corrispondenza del ponte di attraversamento sul Secchia della Sp 108 al Pianello, in quanto la corrente a seguito della piena si è indirizzata verso la sinistra idraulica provocando un preoccupante fenomeno di scalzamento delle pile, attualmente in fase di monitoraggio da parte della Provincia – conclude il presidente Manghi -  I lavori dovrebbero consentire di ripristinare il rilevato asportato della pista, che potrebbe così essere riaperta anche nei tratti ricostruiti per il momento semplicemente inghiaiati”.
(16-01-2018)

Ufficio stampa Provincia Reggio Emilia
CERCA


AGENDA
Mobilità sostenibile nelle azienede:l'incontro promosso dalla Provincia di Lucca
ven 27 apr 2018
venerdì 27 aprile - Palazzo Ducale - Lucca
Convocazione del Comitato Direttivo UPI giovedì 3 maggio 2018, ore 11.00 -Sede UPI, Piazza Cardelli 4 – Roma
gio 03 mag 2018
Giovedì 3 maggio 2018, ore 11.00 - Sede UPI, Piazza Cardelli 4 – Roma
“Edilizia scolastica: programmare e progettare il futuro investendo su sicurezza e innovazione”
lun 14 mag 2018 14.00
Convegno ANCI - UPI  Roma, Lunedì 14 maggio ore 14,00, Roma Sede Anci

UPI Social Network


Dowload Documentazione